TANTRISMO:"Un viaggio alla scoperta della nostra natura divina"

O Dea, il grande Shiva. Avendo creato i sessantaquattro Tantra per confondere il mondo intero affinchè questo diventasse dipendente da potenze esterne, di nuovo con lòa tua parola fece discendere il tuo Tantra. Questo Tantra conferisce fiducia in se stessi e soddisfa simultaneamente tutti gli obiettivi della vita. SHANKARACHARYA, Saundarya Lahari 31


TANTRA TRADIZIONALE e MODERNO

Il Tantra è una tradizione complessa che affonda le radici nella storia più antica.
La comprensione contemporanea del Tantra  è distorta poiché è spesso associato a pratiche sessuali,a tutto ciò che è esotico, drammatico , proibito e pericoloso.
Questa visione si è diffusa in Occidente alla fine degli anni '60 con il fenomeno della rivoluzione sessuale e attraverso alcuni Maestri Indiani che hanno riadattato il Tantra alle menti occidentali e ad un modello di vita materialistico. Tutt'oggi le tradizioni spirituali sono rimodellate ad un modello di tipo fisico tralasciando la vera essenza, l'intento originale degli insegnamenti.
La corrente NEW AGE che dall'America ha invaso l'Occidente ha fatto conoscere un Tantra che è una fusione di molte filosofie (Insegnamenti Indù, tibetani, buddhisti, Veda etc) dove l'enfasi viene posta sull'aspetto più superficiale, preliminare o sensazionalistico, che promuovono la fantasia, l'indisciplina e l'intrattenimento tralasciando del tutto il lato spirituale e tradizionale del Tantrismo.
In molte discipline o filosofie orientali molto spesso la tendenza dell'uomo moderno è quella di combinare  i vari insegnamenti e le tradizioni in modo sincretico, frettoloso e  e caotico che raramente danno vita a pratiche profonde.
Un Insegnamento spirituale si sviluppa in modo organico e non può essere combinato artificialmente con un altro tipo di insegnamento.La vera comprensione avviene solamente attraverso la trasmissione diretta, lo studio delle scritture o testi sacri e la pratica assidua.


 

TANTRA “I Testi Sacri” ​
Gli insegnamenti tantrici derivano dai testi tradizionali che si occupano di cinque argomenti fondamentali:

  1. Creazione dell'Universo

  2. Distribuzione dell'Universo

  3. Adorazione del Divino in varie forme

  4. Realizzazione della vita e poteri spirituali

  5. Meditazioni per realizzare la verità suprema.

I Tantra contengono insegnamenti che riguardano l'intero spettro degli ambiti umani:pratiche per gli stadi della vita, rituali, norme per l'adorazione delle divinità e pratiche yoga. Il Tantrismo pone in risalto tecniche di tipo energetico come rituali, visualizzazioni e e mantra finalizzati ad accompagnarci al di là delle tecniche piuttosto fine a se stessi. Il Tantra ha un approccio universale e riserva pratiche speciali alla Dea e la sua adorazione. Il Tantra comunque mantiene un approccio pratico: eseguendo la pratica più elevata di cui siamo capaci non sviluppando attaccamento per le pratiche inferiori ma ponendo attenzione anche ai gesti semplici nel nostro quotidiano.La forma non conta ma solo la possibilità di aumentare l'energia della nostra coscienza nella nostra vita.
 

MAESTRI TANTRICI


Un Maestro tantrico autentico dovrebbe conoscere le scritture , avere una comprensione profonda delle pratiche fondamentali tantriche e avere etica e purezza d'intenti.Un Maestro Tantrico indiano della tradizione è una persona esperta in Mantra, rituali e alcune pratiche yogiche e non denota un individuo dedito a pratiche sessuali.
Molti presunti maestri o insegnanti tantrici occidentali presentano il Tantra cogliendo solo l'aspetto superficiale , sensazionale e ricreativo usando solo una piccola parte delle tecniche tantriche in modo alterato, personalizzato e mescolato a Psicologia o ad altre discipline occidentali. 
Il Tantra non è psicologia, non è intrattenimento o "sesso estasi" ma un profondo cammino interiore verso la consapevolezza della nostra natura e della nostra vera essenza.Solo un vero Maestro quindi saprà accompagnarvi in questo profondo viaggio interiore e insegnarvi a gestire  forze e energie che potrebbero risvegliarsi dentro di voi.


L'iniziazione tantrica può essere effettuata solo da un Maestro o Maestra iniziata a sua volta da uno Swami Tantrico o Yogi.

Molto spesso si crede che l'iniziazione tantrica da Maestro/a a discepolo/a avviene attraverso l'unione sessuale (alcuni libri in Occidente parlano di iniziazioni e unioni sessuali mistiche con presunte yogini o yogi per poter enfatizzare l'immaginario erotico del Tantra in occidente) ma la prima trasmissione avviene proprio attraverso i Mantra ed i rituali di adorazione delle divinità.Il discepolo o Sadhaka tantrico viene iniziato solo dopo un lungo periodo di  studio delle pratiche fondamentali e solo se è ritenuto degno di ricevere tale dono dal proprio Maestro.

Il rituale Panchamahakaras delle 5 M e la cerimonia del MAITHUNA sono due delle iniziazioni tantriche che sono state reinterpretate in Occidente in modo materialista e del tutto incorretto dando un significato superficiale e errato del Tantra. Ogni rituale nel Tantra è un'offerta al Divino e non dovrebbe essere celebrato per appagare desideri terreni o i propri sensi. Coloro che parlano di estasi mistica attraverso pratiche sessuali molto spesso non sanno neanche il vero significato di queste antichi rituali poichè l'unica unione mistica che si dovrebbe inseguire è quella con il nostro vero io , il divino ed il cosmo intero.
Il Tantra nel periodo attuale del KALI YUGA (Il periodo di Kali) e destinato a perdurare perchè è una disciplina che ben si adatta a questa Era ma è' necessario abbandonare le prospettive limitate della visione occidentale per poter riconoscere la vera valenza della disciplina tantrica quale dimensione spirituale, occulta, artistica e alchemica.

 

TANTRA e SESSO


In Occidente si crede che TANTRA sia sinonimo di sesso, pratiche sessuali e posizioni del Kamasutra , il manuale indù dell'amore sessuale. Queste pratiche infatti rappresentano solo una piccola parte del Tantrismo e anche se vi si si trova uno yoga di tipo sessuale esso non  ne è caratterizzato poichè il Tantra tende a trasformare tutte le attività della vita in gesti e rituali sacri incluso la sessualità.
Si tratta di un approccio sacro e divino all'amore e al sesso che nel Tantra vengono rese meditative e spirituali.


L'erotismo e la sessualità nel Tantra hanno il senso della rappresentazione di potenze elevate della coscienza,attraverso le quali forze possono essere trasformate.Non è banale glorificazione della sessualità ordinaria ma la comprensione suprema del potere cosmico della creazione.
In India in gran parte degli Ashram o Templi indù tutt'oggi si svolgono forme regolari di rituali e adorazione tantrica.

 

Il Tantra non è caratterizzato dalla sessualità o dall'ascetismo ma si occupa di metodologie per la trasformazione energetica come lo yantra ed il Mantra e che rendono il corpo sacro. Il corpo nel Tantra è considerato infatti il tempio del divino (realtà sacra) ed è visto come il microcosmo dove l'anima individuale risiede per poter comprendere il macrocosmo dell'Universo. Il corpo è un simbolo mistico per i tantrici , solo un veicolo con il quale fare esperienza in questa vita e che ci assiste nel processo di crescita spirituale e nel processo di acquisizione dell'esperienza stessa.

 

Senza energia e sensibilità nel corpo e senza l'uso adeguato non possiamo fare molta strada verso l'illuminazione. Nel corpo esiste un'intelligenza cosmica che ci guida e si manifesta quando non usiamo più il corpo seguendo i nostri desideri personali ma utilizzando esso come strumento di sviluppo di consapevolezza superiore.

NEOTANTRA

In Occidente si è creata una certa confusione intorno all'importanza del sesso nel tantra e questa ha una precisa radice storica: quando negli anni Ottanta il guru Osho commentò il Vijnanabhairava tantra in chiave psicologica e al contrario di altri maestri indiani parlò esplicitamente delle pratiche sessuali legate al tantra, molti allievi occidentali, cresciuti in un paradigma religioso dove la ricerca spirituale era associata alla rinuncia al piacere, si sentirono sollevati di poter includere il piacere sessuale nel percorso spirituale. La sua allieva Margot Anand diede inizio ad una corrente chiamata neo-tantra: benché basata sui principi tantrici tradizionali, usava prevalentemente metodi tratti dalla bioenergetica e dalla sessuologia esperienziale. In reazione alle maggiori correnti spirituali i praticanti finirono tuttavia all'estremo opposto: se fino a quel momento si era praticata molta meditazione con poco sesso, nel neo-tantra si faceva molto sesso e poca meditazione. Il neo-tantra considera la meditazione in unione  sessuale una componente importante sul percorso spirituale, perché come nessun'altra pratica, trova l'essere umano pienamente coinvolto nell'intensità della vita: con la mente, il corpo, i sentimenti, la relazione, l'alta eccitazione. 

Gli insegnanti del neotantra promuovono un percorso psicoterapeutico o di counseling o terapia sessuale piuttosto che una vera e propria Sadhana spirituale.

“Chi usa carne e vino per adorare te . Dea che sei la vita di Shiva, non commette errore, ma chi per tali sostanze sviluppa attaccamento vedrà vanificarsi la propria adorazione”
Ganapati Muni , Uma Sahasram 17,22-23

Copyright- E' vietata qualsiasi riproduzione del testo senza il consenso di Devi Tantra yoga- All rights reserved.